Lo sporco lavoro del CI/CD e DevOps

Ora racconto una storia. Beh, la faccio breve, si è fatta una certa.

 

Da quando c'è bisogno di rilasciare il software in tempo reale sono stati scritti diversi software di supporto per fare lo sporco lavoro di: eseguire test, impacchettare, distribuire i pacchetti nei vari server di destinazioni.

Uno di questi è Jenkins, scritto in Groovy che è un linguaggio funzionale che compila per JVM.

E le Promise ritornano (risolvono in) function?

Stasera ero qui con un test (acceptance) cercando di accrocchiarlo alla meglio.In sostanza usando jsdom e jest ho del codice legacy che utilizza jquery (versione vecchissima) e il js è nella pagina. Lo incollo in un file separato, prepare.js. E visto che devo caricarlo tramite node lo metto dentro una funzione che chiamo con parametro $ (che è la jQuery). Tipo:  
let start = ($) => {
   $(function() {
       var actions = ActionGroup($("#actions"));
      .... // e blablabla

Observable. Prendo nota

Probabilmente in ritardo col resto del mondo, h chiarito un punto importante riguardo gli observable, e l'ho capita usando observable-redux. Prendo nota.

Definendo un Epic, da uno stream di action$ si restituisce un'altro stream di action

La Epic è eseguita dopo che il relativo reducer ha fatto il suo lavoro.

È possibile, data una action, restituirne un'altra, tramite .map()
in tal caso l'oggetto da restituire è proprio una action

Cosa ho imparato oggi

Coso ho imparato oggi

(professore FONTECEDRO https://www.youtube.com/watch?v=aqTmhBca7f8 )

Dopo aver insistito col farmi dare un server da poter usare per metterci redmine e gogs, mi sono ritrovato oggi a dover far girare i due docker insieme e farli interagire.

C'è da dire che di docker non ci capisco nulla, quindi oggi ho imparato ad usare quello che mi serve di docker.

App cross platform basate su webengines.

====================================

Cross platform basati su webengines.

(o motori di rendering)

  • inglobare una pagina web in una finestra del browser senza le limitazioni tipiche imposte dal browser (accesso al filesystem e ai vari dispositivi), per creare una applicazione nativa (più o meno)

Tracciare lo sguardo per cambiare il focus della tastiera

Io ho questa idea da un po'. Poi stamattina ho letto un articolo, https://blog.acolyer.org/2017/04/26/improving-user-perceived-page-load-t... (riguarda la priorizzazione del caricamento dei contenuti per rendere migliore la percezione del tempo di caricamento, ma ...) trovo questo

https://sourceforge.net/projects/gazepointer/

Indutria 4.0, NAS, SAN, FUJI, VMWare, e soiel

Due giorni di convegni e non ho scritto nulla.

Il primo, ieri pomeriggio organizzato da Confindustria Ancona, riguardante Industria 4.0.

Non avevo idea di cosa fosse, così mi sono iscritto. In pratica è l'utilizzo dell'informazione nel contesto della produzione industriale per migliorare l'efficienza, andare incontro alla domanda, monitorare il gradimento di un prodotto, migliorare il rapporto col cliente, prevedere i bisogni.

My beloved DevOps tool, gnu make

Oh, yes, there is a lot of tool around for Really DevOps(TM).

But I just want to automate the task to sync remote folders with my working tree, anything else is managed with git, and that's fine.

So I thought: rsync + fuse (file system user level mounting, I hate to launch filezilla or similae)

But I really does not need gulp, grunt or anything else, a Makefile is enough, no?